Named
arrow

Disbiosi


La perdita della funzionalità intestinale può provocare diversi disturbi ed essere correlata a disturbi cronico-recidivanti.

Qualunque fattore in grado di determinare uno squilibrio qualitativo e/o quantitativo tra i componenti fisiologici della microflora intestinale può causare disturbi di varia natura.

La disbiosi può:

  1. provocare disturbi e sintomi quali: disequilibri gastro intestinali, gonfiore, meteorismo, cattiva digestione
  2. essere collegata a disturbi cronico-recidivanti quali: irregolarità e scorretta funzionalità intestinale, infezioni urinarie, scorretto funzionamento delle naturali difese dell'organismo con aumentata esposizione a virus e batteri, carenze vitaminiche e nutrizionali.

Il nostro intestino è ricchissimo di batteri, ne contiene più di 2 kg. La maggior parte di questi batteri è "commensale amico", cioè è ospite del nostro tubo digerente, dal quale ne trae beneficio sia dal punto di vista ambientale sia nutrizionale.

In un batter d'occhio, però, potrebbe dominare la scena la flora batterica "nemica" e quindi iniziano i problemi. Insorgono, allora, dei disturbi facilmente percepibili; gonfiore diffuso, flatulenza e meteorismo anche maleodorante. Questi batteri cattivi generano sostanze tossiche, prodotte dal loro metabolismo, che penetrano attraverso la parete intestinale infiammata. Seguendo questo percorso, queste sostanze possono creare vari disturbi: mal di testa, eritemi, infezioni urinarie e genitali.



Named S.p.A. | P. Iva 00908310964 | via Lega Lombarda 33 | 20855 Lesmo (MB) | Privacy Policy

facebook twitter youtube linkedin